Le fotografie aeree ottenute con i droni possono generare risultati spettacolari, offrendo punti di vista davvero differenti rispetto agli scatti realizzati a terra.

Per questo motivo, negli ultimi anni, sono diventate uno strumento molto valido per le professioni di fotografo nel settore wedding, turistico e degli eventi.

Come per la fotografia tradizionale, il miglior momento per stupire il proprio pubblico con contenuti emozionanti e coinvolgenti è quello che  succede l’alba e anticipa il tramonto.

Ecco alcuni esempi di foto e video realizzabili con i droni DJI, accompagnate dalla modalità di scatto utile ad ottenerle:

Foto di scenari, panorami e mete turistiche

La modalità AEB permette di catturare scatti multipli di una stessa scena usando differenti valori di esposizione.

È possibile impostare lo scatto di 2 o 5 foto per ottenere immagini con una gamma dinamica elevata. Le foto andranno poi elaborate e unite tramite un programma di editor, come Lightroom, per ottenere un bellissimo effetto finale.

Con la modalità HDR, invece, verranno estratte automaticamente le parti migliori di ciascun fotogramma che saranno poi unite in un’immagine unica altamente dinamica.

Video Time lapse, per raccontare storie che faticheremmo ad apprezzare a occhio nudo

Il time-lapse serve a velocizzare il tempo a dismisura.

Grazie alla modalità di scatto TIMED SHOT, è possibile riprendere delle immagini a intervalli impostati (selezionando intervalli di 2,3,5,7,10,15,20,30,60) realizzando così bellissimi video.

Immagini grandangolari, per una ripresa fotografica e cinematografica

Gli scatti grandangolari sono ideali nelle riprese di paesaggi e architetture, in cui vengono esaltate la sensazione di profondità e di spazio. Grazie alla modalità PANO, è possibile fotografare panorami spettacolari mentre il drone vola ad alta quota.

Vantaggi della fotografia tramite drone

Utilizzare un drone per eseguire delle fotografie aeree ha diversi vantaggi rispetto all’impiego di un elicottero o di un piccolo aereo.

È sicuramente un’operazione molto più rapida e flessibile che non ha alcun impatto sull’ambiente ed è in grado di conferire maggiore spettacolarità agli scatti.

Da non sottovalutare, inoltre, è la possibilità per i droni di volare in modalità GPS, cioè senza interazione umana, lasciando libere le mani del fotografo e ottenendo una maggiore stabilizzazione durante gli scatti.

Quando questa modalità è attiva, il drone limita al massimo i movimenti bruschi.

Grazie al gimbal, inoltre, la fotocamera è orientata e stabilizzata, consentendo la realizzazione di foto prive di vibrazione.

Commenta questo articolo